Come diventare Sommelier

24 Mag 2019, 07: 38 Scritto da

Come diventare Sommelier

Amate il buon vino e stupite gli amici a cena con abbinamenti sempre azzeccati? Il vostro palato non teme confronti? Desiderate fare della vostra passione un lavoro? Bene, avete alcune carte in regola per diventare sommelier professionisti. In questa guida vi spieghiamo il percorso di formazione per diventare sommelier, le attività tipiche del ruolo, gli sbocchi professionali e lo stipendio medio.

 

LA PROFESSIONE DEL SOMMELIER

La parola “sommelier” deriva dal francese provenzale “saumalier”. In origine il significato era conducente di bestie da soma, col tempo è evoluto in addetto ai viveri, poi in cantiniere. Chi è il sommelier oggi? E’ un professionista che, attraverso la degustazione, fornisce informazioni sulle caratteristiche dei vini e propone degli abbinamenti tra essi.

 

Il sommelier è capace di effettuare un’analisi organolettica delle bevande al fine di valutarne la tipologia, la qualità, le caratteristiche, le potenzialità di conservazione, soprattutto in funzione del corretto abbinamento vino-cibo. La materia è molto vasta ed in continua evoluzione, pertanto oltre alla formazione iniziale il sommelier ha il dovere di aggiornarsi periodicamente sulle novità del settore.

 

Questa figura deve avere una formazione tecnica specifica, grandi capacità dialettiche e di comunicazione e deve saper utilizzare gli strumenti del mestiere come il tastevin, il cavatappi, il frangino (tovagliolo per pulire la bottiglia) o il termometro per le bottiglie di vino.

 

Come si diventa sommelier? Il percorso di formazione è articolato su tre livelli ed è aperto a tutti, in quanto non ci sono particolari requisiti di accesso. Diventa sommelier professionista solo chi frequenta tutti i livelli e supera un esame finale molto selettivo. Alla fine dei tre livelli è possibile diventare anche sommelier non professionista, affrontando un esame decisamente più leggero. Il percorso formativo parte da un’infarinatura generale per poi scendere nello specifico e dare nozioni precise sulle particolarità dei vini per zona geografica e sugli abbinamenti cibo-vino.

SOMMELIER E ASSAGGIATORE DI VINO

Dobbiamo sottolineare che la figura del sommelier è leggermente diversa da quella dell’assaggiatore di vino, anche se hanno in comune la degustazione professionale di un vino, la conoscenza e la cultura dei vini. L’assaggiatore di vino si focalizza sul giudizio tecnico e sulla qualità del vino (ad esempio ne valuta i difetti); il sommelier integra l’analisi sensoriale con la presentazione, il servizio e l’abbinamento del vino. Il sommelier deve sapere “raccontare” un vino, possedere grandi capacità di comunicazione per descriverlo anche in termini poetici in un certo senso oltre che strettamente specialistici e quindi con un linguaggio tecnico.

 

SBOCCHI PROFESSIONALI E STIPENDIO

Il sommelier può lavorare presso enoteche, alberghi, hotel e ristoranti sia come dipendente, sia come libero professionista. Può realizzare anche dei lavori di consulenza in occasione di eventi particolari (matrimoni, sagre, fiere, eventi di settore ecc.) consigliando il giusto vino da abbinare alle preparazioni dello chef.

 Quanto guadagna un sommelier? Lo stipendio di un sommelier varia molto in base al luogo in cui si lavora e anche in funzione dell’esperienza maturata dal professionista del vino. Si stima una retribuzione di 1500 – 2000 Euro al mese per dipendenti che operano nella ristorazione. Chi lavora in Hotel di lusso o presso ristoranti stellati può ottenere uno stipendio decisamente più elevato, di 4Mila / 5 Mila euro al mese. E’ difficile stimare i guadagni di un libero professionista in quanto dipendono dalle consulenze prestate.

Come trovare lavoro da sommelier? Il metodo più immediato è quello di proporsi direttamente alle strutture della ristorazione che prevedono questa figura professionale. Ci si può candidare inoltre alle offerte di lavoro per sommelier pubblicate da ristoranti, hotel ed enoteche. Può essere utile spaziare anche sul mondo del turismo (strutture ricettive e di vacanza, compagnie di crociera, villaggi turistici) e anche nel settore del catering.

 

Dobbiamo sottolineare che non tutti i sommelier riescono a fare di questa passione un lavoro. Spesso si inizia svolgendo attività occasionali o stagionali per fare esperienza. Occorrono grinta e determinazione, oltre a un continuo aggiornamento sulla materia e diversi anni per farsi conoscere ed apprezzare.

 

Il nostro Paese comunque, grazie al grande successo del turismo enogastronomico, offre spazio all’intraprendenza e alla creatività dei singoli, per cui i professionisti più preparati e motivati ottengono sicuramente soddisfazioni e successo. Diventare sommelier è il primo passo per avviare una professione che può unire al lavoro anche una grande passione.

Letto 1740 volte Ultima modifica il 24 Mag 2019, 07: 37
Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Come vendere più vino online: scopri il sistema Wine Web Marketing

Vuoi ricevere una consulenza gratuita di 50 minuti?

CHIAMACI
035/838614

OPPURE SCRIVICI
Un nostro responsabile ti risponderà rapidamente

035.83.86.14

Dal lunedì al venerdì
Dalle 8.30 alle 12.30 dalle 14.00 alle 18.30

Sede Operativa: Via Largo Europa, 4D
24064 - Chiuduno - Bergamo
KNOWEB s.r.l. - Via D. Luigi Belotti, 6 - 24064 - Grumello del monte - Bergamo
P.IVA & C.F. 04104160165 - REA N.435583 - Reg. Imp. Bergamo - CAP. SOC. € 12.000,00
Cookie - Privacy